Salta al contenuto principale
loading

Lo Statuto

Art. 1 )
La Confraternita del Tiramisù, costituita ai sensi degli artt. 36, 37 e 38 del codice civile, della legge 266/91 e della L.R. 40/93 è una associazione senza fini di lucro che si propone di promuovere e propagandare la tutela del Tiramisù.

Art. 2 )
La Confraternita promuove ed organizza simposi ed iniziative intese al perseguimento delle finalità di cui all'articolo 1.

Art. 3 )
La Confraternita ha sede nella città di Treviso, dalla quale il Tiramisù si è diffuso in tutto il mondo.
La sede è attualmente in Treviso Piazza dei Signori 17 A.
Il Capitolo ha facoltà, ove lo ritenga opportuno, di trasferire la sede della Confraternita in altra sede ma sempre nell'ambito della città di Treviso.

Art.4 )
I Confratelli possono essere effettivi, onorari o professionali.

Art. 5 )
I Confratelli effettivi sono i fondatori e quelli che, su proposta di un Confratello, sono stati approvati dal Capitolo.
Il Capitolo ha facoltà di coordinare i confratelli effettivi in circoli territoriali.
I confratelli effettivi pagano la quota iniziale di adesione e la quota annuale di rinnovo della adesione.
I confratelli effettivi in regola con il pagamento della quota sociale hanno diritto di elettorato attivo e passivo.

Art. 6 )
Il titolo di Confratello onorario o ad honorem viene attribuito dal Capitolo a personalità che condividano le finalità della Confraternita, pur non assumendone i diritti e gli obblighi statutari. I confratelli onorari non pagano la quota sociale.

Art. 7)
Il titolo di Confratello professionale viene attribuito a quei professionisti che realizzano il Tiramisù con una ricetta approvata dalla Confraternita. I confratelli professionali pagano solo la quota iniziale di adesione alla confraternita.

Art. 8 )
L'Assemblea ordinaria della Confraternita, convocata con comunicazione da inviarsi ai soli soci effettivi per posta o con E-mail almeno otto giorni prima, sarà valida in prima convocazione con la presenza della maggioranza assoluta dei confratelli effettivi ed in seconda convocazione senza limite di presenze.
L’Assemblea ordinaria approva annualmente a maggioranza dei presenti entro il 30 aprile di ciascun anno il bilancio consuntivo dell'anno precedente, da inviarsi per via telematica all’Agenzia delle Entrate mediante modulo EAS, definisce le linee guida dell'attività dell’anno e fissa la quota iniziale di adesione per i confratelli effettivi e professionali e la quota annuale di rinnovo dei confratelli effettivi.
Alla scadenza triennale elegge a maggioranza semplice dei presenti i componenti del Capitolo in numero di sette ed i Probiviri in numero di tre.
Su proposta del Capitolo la scheda elettorale può portare i nomi dei Confratelli che vengono proposti per la nomina. In questo caso accanto a ciascun nome proposto andrà predisposta una casella per indicare l’eventuale sostituzione.
Sono nulle le schede che porteranno più nomi del numero degli eleggibili.

Art. 9 )
L'Assemblea straordinaria viene convocata con comunicazione da inviarsi ai soli soci effettivi per posta o con E-mail con almeno 8 giorni di preavviso con uno specifico ordine del giorno su richiesta di almeno tre componenti del Capitolo o di almeno il 10% dei confratelli con un minimo di 10 persone.
L’Assemblea Straordinaria sarà valida in prima convocazione con la presenza della maggioranza assoluta dei Confratelli ed in seconda convocazione senza limite di presenze.

Art. 10 )
Il Capitolo ha durata triennale ed elegge tra i propri componenti il Gran Maestro, che rappresenta la Confraternita ai fini di legge e convoca le riunioni del Capitolo e le Assemblee, il Maestro Vicario, che sostituisce il Gran Maestro in caso di assenza o impossibilità, il Tesoriere che gestisce la contabilità ed il Segretario che gestisce la segreteria della Confraternita.
Le cariche sono gratuite ed è consentito, su approvazione del Capitolo, il solo rimborso di eventuali spese

Art. 11 )
Il Capitolo può operare con la presenza, anche in collegamento video telematico, della maggioranza dei componenti.
Il Capitolo delibera a maggioranza dei partecipanti ed in caso di parità prevale il voto del Gran Maestro o di chi lo sostituisce.
Il Capitolo coopta eventuali componenti dimissionari o comunque cessati, che resteranno in carica fino alla fine del triennio.

Art. 12 )
Il Collegio dei Probiviri elegge il Presidente tra i propri componenti e formula al Capitolo, che decide, eventuali proposte di sospensione, per un massimo di tre mesi, o di espulsione nei confronti di Confratelli che abbiano tenuto comportamenti in contrasto o incompatibili con la partecipazione alla Confraternita.

Art. 13 )
Il Capitolo ha facoltà di rilasciare ai confratelli professionali diplomi di riconoscimento della ricetta del Tiramisù dagli stessi prodotto.

Art. 14 )
La qualifica di Confratello si perde per dimissioni o per espulsione deliberata dal Capitolo, che delibera anche sulle proposte di sospensione. 
In caso di mancato pagamento della quota annuale di adesione, il Capitolo può deliberare la cessazione della adesione.

Art. 15 )
L'Assemblea delibera a maggioranza dei presenti le modifiche statutarie.
Lo scioglimento della Confraternita dovrà essere approvato da quattro quinti dei presenti alla Assemblea convocata a tal fine.
Durante la vita della associazione è vietata la distribuzione , anche in modo indiretto, di utili o avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non sia imposta dalla legge
In caso di scioglimento della Confraternita eventuali fondi residui andranno devoluti su decisione dell'Assemblea ad associazioni con analoghe finalità o a fini di pubblica utilità, sentito l’Organismo di Controllo di cui all’art. 3 comma 190 della legge 23 dicembre 1996 n. 662.
 

P