Salta al contenuto principale
loading

Il Disciplinare del Tiramisù

La Confraternita del Tiramisù nasce con la finalità di tutelare la ricetta originale di questo dolce (pubblicata da Beppo Maffioli nel 1981 sulla rivista Vin Veneto e poi ripresa nel 1983 sul libro “La cucina Trevigiana”) che tale deve rimanere pur consentendo delle variazioni che però non lo snaturino.

Diamo perciò i singoli componenti della ricetta, quelli necessari per poter parlare di Tiramisù e quelli facoltativi, lasciando perciò fuori dalla definizione tutte le possibili variazioni ed aggiunte di altri componenti, che potranno portare a dei dolci tipo Tiramisù, cosa però diversa da un vero Tiramisù.

MASCARPONE: la presenza del mascarpone è componente essenziale, insieme a zucchero e tuorli d'uovo, della crema che è alla base del Tiramisù.

ZUCCHERO: si intende zucchero raffinato, non è possibile l'utilizzo di altri dolcificanti.

UOVA: il solo uso dei tuorli è il più indicato. Si può prevedere come possibile variante anche l'uso dell'albume montato a neve.

SAVOIARDI: sostituibili anche con pan di spagna.

CAFFÉ: espresso all'italiana, sono esclusi altri tipi di caffè.

CACAO: ovviamente in polvere.

LIQUORI: la ricetta originale non prevede liquori ma va considerata la possibilità di aggiungere marsala, o anche cognac o rum nel caffè con il quale vengono bagnati i savoiardi.

 

CONFRATELLO PROFESSIONALE

La nomina a Confratello Professionale ed il conseguente inserimento nell'apposito libro come anche il rilascio del Diploma di riconoscimento della ricetta del Tiramisù è subordinata all'utilizzo nella ricetta dei soli componenti indicati nel presente disciplinare.

Adesione alla Confraternita

P